“Ho presentato una interrogazione al Ministro della Salute e al Ministro dell’economia per verificare se sia stata rispettata la terzietà nella composizione dell’OTA, l’Organismo Tecnicamente Accreditante.
Tale organismo decide in materia di autorizzazione e accreditamento delle strutture sanitarie regionali. È palese, quindi, come sia assolutamente indispensabile garantire la sua “autonomia, terzietà ed imparzialità”.

Attualmente, alla luce della sospensione del provvedimento disposta dal Tar Molise, questi requisiti appaiono violati, in quanto sono stati nominati quali componenti fissi due dirigenti delle strutture private Neuromed e Fondazione Giovanni Paolo II. Appare paradossale che i componenti dell’ente controllore siano anche gli stessi controllati.

Tale situazione non è improduttiva di effetti. Tant’è vero che il Commissario Frattura, proprio su parere favorevole dell’Ota, ha accreditato la Fondazione Neuromed Pavone di Salcito.
Su una materia strategica e delicata come questa è evidente come non possa esserci alcun dubbio o ombra sulla terzietà ed imparzialità degli organismi che concorrono all’iter di accreditamento.”