Mobilità in deroga, l’appello di Leva al ministro Poletti

Il parlamentare molisano ha inviato una lettera per sollecitare un intervento che consenta a 1744 lavoratori molisani il pagamento delle 13 mensilità dovute.

CAMPOBASSO. Una lettera al ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti per chiedere un intervento in grado di consentire a 1744 lavoratori molisani di ottenere le 13 mensilità di mobilità in deroga relative agli anni 2015-2016.

A inviarla è stato il parlamentare di Mdp-Liberi e Uguali Danilo Leva che, sulla questione, ha già presentato un’interrogazione alla Camera ed è in attesa di risposta. “La situazione –spiega nella missiva – intanto si è evoluta. Il Consiglio regionale del Molise, lo scorso 29 dicembre, ha approvato all’unanimità una delibera che ha impegnato il presidente della Regione e l’assessore allo Sviluppo Economico a intraprendere ogni iniziativa tesa alla verifica e alla possibilità tecnico-giuridica per procedere al pagamento attivando ogni interlocuzione necessaria con Inps e Mlps”.

Leva si associa dunque all'appello dei lavoratori, chiedendo al ministro di intraprendere ogni iniziativa di competenza per chiarire i fatti e individuare gli strumenti in grado di garantire gli stanziamenti aggiuntivi necessari a completare i pagamenti per il 1744 lavoratori “per sanare – si legge infine nella missiva – una situazione particolarmente difficile e che potrebbe avere seri e preoccupanti risvolti, anche di ordine pubblico”.

 

 


Presentata dall’On. Leva (MDP – Liberi e Uguali) un’interrogazione sulla situazione dei docenti costretti fuori regione a causa delle storture della “Buona Scuola

Mercoledì 20 Dicembre è stata presentata dall’On. Danilo Leva un’interrogazione al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca riguardante il rientro nelle regioni di appartenenza dei docenti che sono stati assegnati a regioni diverse. In particolar modo sulla situazione dei circa quaranta docenti della Provincia di Isernia che si trovano ancora fuori Regione, nonostante diverse sentenze nel resto d’Italia abbiano accolto il ricorso dei docenti in situazioni simili per poter tornare nella regione di appartenenza.

“La Buona Scuola ha creato problemi ai docenti, invece di risolverli. Sono ogni giorno più convinto di aver agito correttamente non votandola. – ha dichiarato l’onorevole Leva -  È inaudito che docenti siano costretti a vivere a centinaia di chilometri dalla propria casa e dalla propria famiglia a causa di un algoritmo errato. Nei nostri territori questo fatto è ancora più grave, perché si vanno a spopolare aree già profondamente colpite dal problema dell’emigrazione. Ho chiesto al Ministro di esplorare ogni possibilità e di assumere iniziative per favorire il rientro dei docenti nelle regioni di appartenenza”


On. Leva (Art. 1 – MDP): “Presentata interrogazione al Ministro della Salute e al Ministro dell’Economia per chiedere che venga verificata la terzietà dell’Ota, organismo strategico, nominato dal Commissario Frattura, in materia di autorizzazione e accreditamento delle strutture sanitarie regionali.”

“Ho presentato una interrogazione al Ministro della Salute e al Ministro dell’economia per verificare se sia stata rispettata la terzietà nella composizione dell’OTA, l'Organismo Tecnicamente Accreditante.
Tale organismo decide in materia di autorizzazione e accreditamento delle strutture sanitarie regionali. È palese, quindi, come sia assolutamente indispensabile garantire la sua "autonomia, terzietà ed imparzialità”.

Attualmente, alla luce della sospensione del provvedimento disposta dal Tar Molise, questi requisiti appaiono violati, in quanto sono stati nominati quali componenti fissi due dirigenti delle strutture private Neuromed e Fondazione Giovanni Paolo II. Appare paradossale che i componenti dell’ente controllore siano anche gli stessi controllati.

Tale situazione non è improduttiva di effetti. Tant’è vero che il Commissario Frattura, proprio su parere favorevole dell’Ota, ha accreditato la Fondazione Neuromed Pavone di Salcito.
Su una materia strategica e delicata come questa è evidente come non possa esserci alcun dubbio o ombra sulla terzietà ed imparzialità degli organismi che concorrono all’iter di accreditamento.”


Bankitalia: Leva (#Mdp), #Pd ha completamente perso bussola.

Bankitalia: Leva (Mdp), Pd ha completamente perso bussola (ANSA) - #ROMA, 18 OTT
"#Renzi scarica responsabilità politiche su organismi tecnici e lo fa esclusivamente per il suo tornaconto elettoralistico. Sta dimostrando una concezione proprietaria delle #istituzioni che non avevamo conosciuto nemmeno con il peggior #centrodestra.
Mi pare evidente che il Pd abbia completamente perso la bussola.
Su Bankitalia siamo ormai oltre la decenza": lo ha dichiarato ai microfoni di Sky TG24 il deputato di Mdp Danilo Leva.(#ANSA).


CENTROSINISTRA: LEVA "BASTA CONTINUI ATTACCHI A D'ALEMA"

ROMA (ITALPRESS) - "Basta con questi continui attacchi personali a Massimo D'Alema, il quale per altro si e' trovato anche ieri concorde con la linea decisa autonomamente dai gruppi parlamentari di votare a favore dello scostamento di bilancio.

Questa e' una fase per noi delicata e Pisapia ha la responsabilita' maggiore di favorire un clima unitario e costruttivo". Lo afferma in una nota il deputato di Mdp Danilo Leva. (ITALPRESS). sat/com 04-Ott-17 10:39


Regionali: Uivo 2.0 in Molise; Leva, 'No accordo con Pd' Se Frattura vuole Alfano e Patriciello noi non ci saremo

Il tour dell'#Ulivo 2.0 toccherà Isernia, domani alla 18 al comune, con un incontro per raccogliere contenuti programmatici in vista delle elezioni regionale del 2018. Il soggetto politico di centrosinistra aggrega esponenti dell'Mdp, di Possibile Lab, Comunisti Italiani, Sinistra Italiana, IdV, Socialisti in Movimento e dissidenti del Pd. L'On. Danilo Leva (Mdp), tra i fondatori dell'Ulivo 2.0, anticipa all'Ansa alcuni temi che saranno sul tavolo domani. Prima fra tutti i rapporti con il governatore Paolo Frattura (Pd). "Date le condizioni attuali - ha detto - non ci può essere accordo. Ma non dipende da noi, altri sono su posizioni isolate".

Poi è entrato nel merito: "Voglio subito chiarire stiamo che non stiamo parlando di rapporti di natura personale. La politica è una cosa seria, ci sono due temi senza risposta da parte di Frattura e da parte del segretario regionale del Pd, Micaela la discontinuità netta con le politiche per la sanità adottate, fino a oggi, dal governo regionale. Noi siamo per la centralità del sistema sanitario pubblico. Gli ultimi dati della Cgia di Mestre dimostrano che la Regione Molise non è riuscita a risparmiare, ma a spostare le risorse dal pubblico al privato. Su questo punto regna sovrano il silenzio e l'imbarazzo del Pd e di Frattura". Poi, Leva ha parlato del secondo tema: "Se il Pd vuole costruire un'alleanza che va da Alfano (Ncd) a Patriciello (Fi), con il Pd non ci sarà nè Mdp nè Ulivo 2.0.

Nel Pd regna sovrana la confusione". Quanto alla scelta del candidato dell'Ulivo 2.0 alle Regionali, Leva ha detto: "Sceglierà al proprio interno modalità con cui selezionare il candidato presidente". Al momento non ci sono nomi di possibili candidati. (ANSA). YM7-PRO 20-SET-17 13:49 NNN


#Referendum “No tunnel” Termoli, LEVA (Art. 1 - #MDP): “Presentata una interrogazione al Ministro dell’Interno “

“Ho presentato una interrogazione al Ministro dell’#Interno per chiedere che si verifichi sul rispetto dello Statuto Comunale e del "Regolamento Partecipazione dei cittadini" relativamente alla proposta referendaria presentata dal Comitato “#NoTunnel” in data 16 febbraio 2017.

Al di là del merito ritengo sia assolutamente incomprensibile l’atteggiamento dell’amministrazione comunale e degli organi preposti che ad oggi, a distanza di oltre sei mesi, ancora non si esprimono sulla richiesta avanzata dal Comitato rispetto ad un progetto così impattante dal punto di vista ambientale ed urbanistico credo sia fondamentale confrontarsi con la cittadinanza e il referendum consultivo è l’unico strumento democratico che può dar voce e peso alla volontà dei termolesi.”


ESODO #DOCENTI, LEVA (Art. 1 - #MDP): la Regione Molise faccia la propria parte e non resti indifferente di fronte alle famiglie molisane che in questi giorni stanno affrontando le difficoltà legate al trasferimento in un’altra #regione.

“Ho scritto al Presidente Frattura per chiedere misure immediate di sostegno a favore dei #docenti molisani che per l’anno scolastico in corso sono costretti a lavorare lontani da casa.

Si tratta di 40 famiglie che si trovano ad affrontare innumerevoli disagi sia dal punto di vista economico che familiare. Sono giovani, #madri e #padri di famiglia che non possono essere lasciati #soli.
Possiamo prendere ad esempio le iniziative attuate in altre regioni del #Sud, come ad esempio la #Puglia e la #Sicilia, che hanno assegnato ai docenti dei contributi straordinari per sostenere le #spese di #affitto e di #trasportonecessarie agli spostamenti.
Affronterò la questione anche con una apposita interrogazione
parlamentare, ma l’istituzione regionale non può restare silente a quelle che rischiano di essere delle vere e proprie #deportazioni.”


Il saluto a Luciano Guerzoni

Era fine novembre quando con Luciano Guerzoni ,vice presidente nazionale dell'ANPI, partecipai a Pistoia ad una delle ultime iniziative referendarie in difesa della Costituzione. Mi colpi la sua forza, la sua lucidità e la determinazione con la quale parlava degli equilibri fragili su cui si regge una democrazia. La passione con la quale insegnava ai giovani la difesa dei valori costituzionali sarà per me sempre un esempio concreto di come si debba amare il nostro paese.

Ciao Luciano e davvero grazie.