AUTOIMPIEGO E AUTOIMPRENDITORIALITÀ: L’ON. LEVA PRESENTA UNA INTERROGAZIONE AL MINISTRO DELL’ECONOMIA.

italiaGiustaL’on. Leva come primo firmatario e i colleghi parlamentari del mezzogiorno On.li Vincenzo Folino, Nico Stumpo, Vicenza Bruno Bossio e Giorgio Piccolo hanno depositato, oggi, una interrogazione al Ministro dell’ Economia in merito alla sospensione delle misure di autoimpiego e autoimpreditorialità gestite da Invitalia.

“Gli incentivi all'Autoimprenditorialità e all'Autoimpiego hanno consentito, negli anni, di promuovere in maniera efficace la creazione e lo sviluppo d’impresa nel nostro Paese - afferma l’on. Leva-. Dal 9 Agosto le agevolazioni sono sospese a causa dell’esaurimento fondi. Sarebbe un errore gravissimo non dare continuità alle misure gestite da Invitalia.

L ’Autoimpiego (le cui agevolazioni, a differenza di altri strumenti, non prevedono l’assistenza di garanzie reali o finanziarie), infatti, è gestito con procedure chiare, trasparenti e collaudate e rappresenta una concreta ed efficace alternativa nella ricerca di occupazione, soprattutto nel mezzogiorno.
Nel corso degli oltre 15 anni di applicazione gli incentivi hanno permesso la creazione di 194.446 posti di lavoro a fronte di 5,3 Miliardi di Euro di agevolazioni concesse per la nascita di 111.650 nuove imprese. È per questa ragione che chiediamo al Ministro di intervenire tempestivamente affinché il fondo venga rifinanziato e le misure sbloccate.

Le buone politiche di lotta alla disoccupazione e soprattutto quelle che promuovono la cultura d’impresa in territori dalle caratteristiche sociali storicamente meno inclini di altri all’intrapresa economica, devono assolutamente andare avanti ed essere rilanciate.”

Roma, 17.09.2015.


PREFETTURA DI ISERNIA: L’ ON. LEVA INCONTRA IL VICEMINISTRO DELL' INTERNO BUBBICO.

 

pd-moliseSi è tenuto questa mattina presso il Ministero degli Interni a Roma un incontro tra l' On. Leva e il Viceministro Bubbico per affrontare la questione relativa alla paventata soppressione della Prefettura di Isernia.

"Abbiamo approfondito la questione -dichiara l'on. Leva- ed è indiscutibile come la situazione sia particolarmente delicata e complessa. Per portare a casa il risultato serve l'impegno e la mobilitazione vera di tutti, istituzioni e cittadini compresi. Perché la soppressione della prefettura di Isernia determinerebbe a catena anche la chiusura del Comando Provinciale dei Carabinieri, della Questura e dei Vigili del Fuoco. Parliamo comunque di un percorso ancora lungo, quindi c'è, di fatto, tutto il tempo per studiare e coordinare una soluzione efficace che scongiuri questa sciagurata ipotesi.

Nei prossimi giorni verranno valutate delle proposte che dovranno essere poi sottoposte alle Commissioni parlamentari competenti. Ad oggi è difficile prevedere quali saranno gli esiti, ma solo facendo fronte comune avremo la possibilità di salvare il territorio della Provincia pentra già pesantemente colpito e martoriato dalla crisi economica ed industriale. Un ulteriore ridimensionamento delle istituzioni pubbliche esistenti impoverirebbe ulteriormente l’offerta dei servizi ed andrebbe ad aggravare la già pesante situazione occupazionale”.